book cover

Metodo Griglia
INNOVAZIONE NELL'EDUCAZIONE FISICA
di Armando Caligaris

La più importante innovazione nell'educazione fisica degli ultimi 107 anni.

Acquista ADESSO

I libri saranno spediti a partire da Giovedì 16 Novembre 2017

Un libro RIVOLUZIONARIO, Oggi disponibile!

  • Questo libro è rivolto a tutti gli insegnanti, educatori, professionisiti della salute, del movimento umano e i genitori più attenti. Le informazioni che scoprirai leggendo queste pagine, racchiudono un enorme potere capace di trasformare la vita dei bambini, futuri leader. Il movimento è vita, il movimento educa e forgia il carattere, definisce le nostre scelte e il futuro collettivo. In una società sana, l'educazione motoria è il primo passo di un percorso di successo.

    people1

    Giacomo Catalani
    Fondatore ATS e Giacomo Catalani Editore

  • client1
  • client2
  • client3
  • client4

AUTORE

Armando Caligaris

Laureato in Scienze Motorie, esperto in attività motorie da più di venti anni nelle scuole dell’infanzia e nelle scuole primarie dove lavora con più di 600 bambini ogni anno. È preparatore Atletico Professionista FIGC e FIP, Ha conseguito diversi attestati di partecipazione ai corsi di psicomotricità funzionale diretti dal Prof.Jean Le Boulch, fondatore della psicocinetica. Docente di Teoria e Metodologia nei corsi periferici di Coverciano e attuale responsabile area motoria della scuola calcio Genoa C.F.C. Per tre anni ha collaborato con una struttura impegnata nel benessere psicofisico di malati psichici gravi.
Studioso dei sistemi attentivi applicabili all’attività didattica e sportiva.
I suoi interventi sono richiesti dalle maggiori società sportive e dagli atleti di livello internazionale, nonché nella formazione specifica degli insegnanti della scuola primaria e consulenza privata a famiglie.
Ha pubblicato decine di articoli per riviste specializzate sia sportive sia scolastiche.
Ha pubblicato due libri: La Psicocinetica a scuola e Approccio Psicocinetico al calcio.

Educazione Fisica

Il gioco per il bambino è un’attività seria. C’è chi il gioco lo tiene in soffitta e c’è chi si ricorda ancora come nel gioco si possa esprimere se stessi.

rating-button
book

LASCIA I TUOI DATI E SCARICA IL PRIMO CAPITOLO GRATUITAMENTE




Il Metodo Griglia ha come obiettivo l'induzione dell'apprendimento attivo, offrendo stimoli che accendano la curiosità e di conseguenza motivino il bambino ad amplificare le sue conoscenze. Tale metodo si basa su un'interazione tra psiche e soma in quella che è l’applicazione educativa del movimento. L’insegnante non fornisce soluzioni alle domande ma aiuta il bambino nel percorso che lo porta a trovare le soluzioni e le risposte o a formulare semplicemente ipotesi. Si parte sempre da un’esperienza concreta e successivamente alla sua rielaborazione attraverso il linguaggio e la rappresentazione grafica. La figura dell’insegnante diviene dunque quella di un mediatore, il cui ruolo non è più quello di trasmettere semplicemente delle nozioni, ma di stimolare l’allievo ad essere il “soggetto dell’apprendimento”.

Il Metodo Griglia dà la possibilità a ciascuno di fare esperienza della propria efficacia nell’approccio psico-fisico-emotivo ai problemi posti dal contesto o comunque dall’ambiente in parallelo con le richieste didattiche, ricercando il talento di ogni individuo. Proprio perché attenti all’importanza e all’unicità del soggetto i giochi proposti avranno tempi di sedimentazione differenti, anche se li accomuna la voglia di scoperta, l’euristica, nel rispetto di una ludicità tesa al soddisfacimento di obiettivi psicomotori. Uno fra tutti, il principale, è basato sul concetto di energia psicomotoria.

Essa, come si ha già avuto modo di discuterne in una precedente pubblicazione (Caligaris, 2011), è ciò che rende possibile gli apprendimenti attivi. In pratica intendiamo dire come la meta-conoscenza e una prima forma di percezione della Funzione Energetica possano essere la base per poter tracciare la strada che conduce all’ottimizzazione delle risorse tese al soddisfacimento delle stimolazioni del sistema nervoso cen- trale applicabili all’attività scolastica. Il “bottone di accensione”, affinché possa attivarsi questo fondamentale ingranaggio, probabilmente è identificabile nell’impatto affettivo emotivo, nell’accoglienza del bimbo all’interno dell’edificio scolastico, dalle persone che vi lavorano all’interno e dai propri compagni. Il riferimento alla motivazione pare evidente. Essere accolti è importante per il bambino per sentirsi a proprio agio. Per immergersi completamente nel gioco il bambino deve “entrare nello spazio”. Ecco che assume molta importanza creare il contesto affinché il bimbo possa acquisire la consapevolezza della propria identità del suo essere e del suo divenire, ossia del suo bene-essere psicofisico. Questo prevede anche il voler e poter coinvolgere gli addetti ai lavori e i genitori in un dialogo e un interscambio educativo-didattico. Non stiamo dicendo nulla di nuovo, dal momento che Froebel (tr. it. 1960), nei suoi celebri “giardini d’infanzia” sosteneva già ad inizio 1800 come questa collaborazione fosse il bisogno più profondo di un progetto educativo. Quindi difficile pensare ad un processo di delega per supplire alle mancanze della famiglia nell’occuparsi della dimensione ludica, soprattutto nella prima infanzia. Il compito di educatore probabilmente è anche quello di stimolo discreto nei confronti dei genitori “meno attenti”. Tuttavia, la scuola deve responsabilizzarsi nel dare il proprio contributo all’organizzazione della personalità infantile.

Buona parte del successo per far “entrare nello spazio” il bambino, è dato dal grado di empatia tra i pari. A tal proposito, uno dei mezzi adottabili è il “tutoraggio” sviluppato tra coloro che sono al primo anno della scuola primaria e quelli che sono all’ultimo anno della scuola dell’infanzia in un lungo percorso di continuità.

Il “tutoraggio” deriva dalla teoria di Vygotskij sulla zona di sviluppo prossimale. Essa consiste nel creare gruppi verticali facendo giocare insieme bambini con età e caratteristiche diverse, creando, allo stesso tempo, ampie possibilità in interazione e scambio sia da un punto di vista sociale sia come stimolazione sotto un profilo cognitivo (Kasten et al., 1993). Se tale ambiente promuove anche fiducia, autovalutazione e dialogo i bambini imparano gradualmente a connettere il dominio socio-emotivo a quello cognitivo e fisico (Capurso et al., 2011). Gli obiettivi ricercati nel “tutoraggio”:

  • Responsabilizzare e gratificare bambini insicuri ed egocentrici.
  • Fare scelte per migliorare l’aspetto socio-relazionale.
  • Promuovere l’aiuto dei bambini più grandi come stimolo ed esempio per implementare l’autonomia, l’identità e l’autostima.
  • Indurre l’acquisizione di sensibilità verso i bisogni dell’altro.
About

Cosa apprenderai

Scoprendo il Metodo Griglia, scoprirai che l’educazione motoria favorisce il conseguimento dei seguenti obiettivi, per quanto riguarda gli aspetti:

  • morfologico-funzionale (motorio): prevenzione di difetti funzionali, sviluppo delle strutture anatomiche, fisiologiche, senso-percettive e coordinative dell’organismo;
  • intellettivo-cognitivo: sviluppo delle capacità di comprensione, analisi, elaborazione, immaginazione, attenzione rappresentative;
  • affettivo-morale: potenziamento dell’autonomia, responsabilità, fiducia in sé, padronanza, prontezza;
  • sociale: approccio alla solidarietà, collaborazione, rispetto delle regole, sforzo collettivo come superamento dell’egocentrismo.
  • Il metodo prevede il coinvolgimento dunque di tutta la nostra persona, nei termini senso-motori, cognitivi e affettivo-emotivi. Sono rispettate e ricercate tematiche psicomotorie che abbiamo ritenuto funzionali all’attività didattica. Con esse intendiamo una definizione della lateralità, la coordinazione generale con particolare attenzione allo sviluppo di quella oculo-manuale, la consapevolezza dello spazio e del tempo, l’equilibrio, l’educazione posturale (controllo della tonicità), l’educazione respiratoria, l’espressività del corpo, gli aspetti mnemonici e attentivi, la creatività e la fantasia, ecc.

    Il gioco non è soltanto un modo per conoscere il mondo ma è anche una forma di comunicazione, di esperienza emotiva, di azione trasformativa sulla realtà.

    Questo libro, rappresenta il testo fondamentale per una nuova generazione di insegnanti, educatori professionisti della salute e genitori, è uno strumento rivoluzionario per comprendere e approfondire la conoscenza di se stessi e saper offrire, alle attuali e future generazioni, un migliore percorso educativo quale fondamento per una vita di successi.

    • Spedizione in 24/48h

      Nel 90% dei casi avrai questo libro in 24/48 ore

    • Pagamenti Sicuri

      I nostri sistemi utilizzano certificazioni SSL

    • Tracciamento Pacco

      Traccia il tuo pacco con il codice tracking inviato alla tua email

Acquista ADESSO

Acquista adesso la tua copia e la riceverai entro 24/48h a casa tua.
180 pagine, 382 fotografie, 20 tabelle.

  • 29,90
Acquista ADESSO

Spese di spedizione €5,00
I libri saranno spediti a partire da Giovedì 16 Novembre 2017

180 pagine, 382 fotografie, 20 tabelle

In questo libro apprenderai il Metodo Griglia, in cui il mezzo fondamentale è il gioco, in ogni sua forma Un gioco che non inizia e finisce in palestra, ma che vive in una forma integrata con ciò che si fa in aula. Infatti, uno degli obiettivi principali nell’esposizione pratica della metodologia, è far intendere al lettore che non esistonoparatie stagne dove poter approfondire il sapere. Esiste un continuum tra aula e palestra, tra la mensa e la piazza. In linea con l’abbattimento di ogni possibile “ghettizzazione del sapere” nasce una inequivocabile visione olistica della materia, tanto che, non distinguiamo senso-motorio, cognitivo ed emotivo-affettivo nell’unicità della persona.